L’abisso

July 14, 2010

Pascal aveva il suo abisso, che si muoveva con lui.
– Ahimè! abisso è tutto – atto, sogno, desiderio,
parola! e sui capelli che ritti mi si levano,
sento a volte passare il vento della Paura.

Sopra, sotto, dovunque, la profondità, la riva,
il silenzio, lo spazio spaventoso e seducente…
Sul fondo delle notti, col suo dito sapiente,
Dio mi disegna un incubo multiforme e continuo.

Ho paura del sonno come d’un buco enorme,
pieno d’un vago orrore, che porta chissà dove,
non vedo che infinito da tutte le finestre,

e il mio spirito, che la vertigine perseguita,
invidia al nulla l’insensibilità.
– Ah! non uscire mai dai Numeri e dagli Esseri!

~ Baudelaire, “Les fleurs du mal”.

%d bloggers like this: