January 21, 2011

« Niente è più fecondo, tutti i matematici lo sanno, di quelle vaghe analogie, quegli oscuri riflessi che rimandano da una teoria all’altra, quelle furtive carezze, quelle discrepanze inesplicabili: niente dà un piacere più grande al ricercatore. » ~ “De la métaphysique aux mathématiques”, André Weil.

%d bloggers like this: