February 18, 2011

« Una religione impoverisce nel suo intimo quando perde o diminuisce i suoi paradossi; se invece li aumenta, diventa più ricca, poiché solo il paradosso è capace di abbracciare, anche se soltanto approssimativamente, la pienezza della vita; mentre ciò che è univoco, che non ha contraddizioni, è unilaterale, e quindi inadatto a esprimere l’inafferrabile. »

« I simboli religiosi sono fenomeni vitali, sono fatti puri e semplici, non opinioni. »

« I riti sono tentativi di eliminare il distacco della coscienza dall’inconscio che è la vera e propria fonte di vita, e di provocare la riunione dell’individuo con la matrice delle sue disposizioni ereditarie, istintive. »

~ Carl Gustav Jung, “Psicologia e alchimia”.

%d bloggers like this: