April 15, 2011

Si aprono sul guanciale gli occhi grandissimi della mia rosa
sono ancora come laghi montani nella foschia
vi guizzano pesci azzurri
traspaiono pigne verdi nel fondo
guardano profondamente diritto
la fine de loro sogno scintillante nel crepuscolo
m’illumino
mi vedo e mi riconosco di nuovo
ho un po’ di vergogna
ma solo un poco
al mattino il crepuscolo nella nostra stanza
e’ come una vela pronta per il viaggio
come una vela chiara
la mia amata esce dal letto
nuda come un’albicocca

~ Nazim Hikmet

%d bloggers like this: