July 4, 2014

“Abitiamo nel paesaggio e il paesaggio abita in noi. Un paesaggio ferito dalle azioni dell’uomo, la frammentazione del paesaggio urbano cosi’ come edifici sconsiderati, rappresentano tutti l’evidenza esteriore e materializzata di un’alienazione e una devastazione dello spazio umano interiore o Weltinnenraum, per usare un’espressione meravigliosa di Rainer Maria Rilke.”

~ “La mano che pensa”, J. Pallasmaa.

%d bloggers like this: